giovedì 5 maggio 2011

Elegante semplicità.

Ho un carattere piuttosto complicato. Sarà per questo che amo le cose semplici: l'odore dell'erba bagnata, il rumore della pioggia, le risate dei bambini, gli occhi degli anziani, il profumo di mia madre, l'alba in spiaggia, la neve in montagna, i campi di grano, le giornate di sole d'inverno e anche se mi diletto nello sperimentare abbinamenti gastronomici bizzarri preferisco le cucine semplici, fatte di sapori classici arricchiti magari di eleganza e originalità con ingredienti naturali o spezie saporite.

ORECCHIETTE ALLA RICOTTA:                          
  • 1 porzione di orecchiette;
  • 1 Ricottina vaccina freschissima;
  • 1 Tazzina da caffè di latte;
  • 1 Pizzico di sale;
  • 1 Pizzico di pepe;
  • 1 Piccolo mazzetto di basilico;
Lavorate la ricotta con il latte sino ad ottenere un composto cremoso, poi salate, pepate e mettete a scaldare il composto ottenuto a fuoco basso. Nel frattempo cuocete le orecchiette, scolatele al dente e fatele saltare nella salsa preparata qualche minuto unendo le foglie di basilico spezzettandole con le mani. Servite le orecchiette con un filo d'olio a crudo (che DEVE essere più che buono).



6 commenti :

  1. Hai ragione la semplicità nei piatti, unita a ottime materie prime è sempre una scelta vincente.
    Buon we ciao loredana

    RispondiElimina
  2. ciao! piacere di conoscerti! hai fatto piacere a ripoostare il commento perchè non era arrivato, purtroppo però il tuo piatto non è quello che si intende in questo caso per monoporzione! mi dispiace, se provi a vedere con che ricette han partecipato gli altri forse ti fai un'idea.. purtroppo questa ricetta risulta fuori tema, sebbene molto appentibile!!
    PS C'è ancora tempo fino a stasera..

    RispondiElimina
  3. Cavolo, mi dispiace! E vabbè dai sarà per il prossimo contest!

    RispondiElimina
  4. Ciao,piacere di conoscerti.....Mi piace l'elegante semplicita' che hai messo in questo piatto......lo provero' sicuramente......

    RispondiElimina
  5. Piacere mio Micol e grazie!

    RispondiElimina
  6. Le faccio anch'io così: con quel goccio di latte dentro. Ma senza basilico. In ogni caso: semplicità. Che non è banale ma, per l'appunto, elegante... Mi pare una saggia follia, questa tua in cucina...

    sabrine

    RispondiElimina